Aperta la liquidazione per liberare dai debiti un ex negoziante

Una imprenditrice individuale, schiacciata dai debiti erariali, ha visto riconoscere il proprio ricorso alla liquidazione anche con il solo reddito da lavoro.

placehold
placehold

Ennesima impresa individuale che subisce gli effetti della crisi economica ed ennesima imprenditrice costretta a chiudere il proprio negozio di abbigliamento

Il peso dei debiti accumulati, di oltre 105 mila euro, non permette vie d’uscita e l’unica soluzione è stata la Legge 3/2012, che ha permesso finalmente di aprire la strada alla liquidazione con una parte del proprio reddito, concessa dal Tribunale di Udine. 

Gli aspetti rilevanti della sentenza di Udine

La pronuncia è rilevante in quanto, a fronte di qualche segno contrario da parte di altri Tribunali, conferma, ancora una volta, la possibilità di usufruire della liquidazione anche senza l’attuale proprietà di beni immobili o mobili diversi dal proprio reddito.

La debitrice percepisce al momento solo un reddito da lavoro dipendente di 1.380 euro mensili.
E’ stata confermata dal giudice la somma di 950 euro da destinarsi al mantenimento proprio e della famiglia. I restanti 430 euro mensili saranno versati ai creditori.

RI.Blog

DATA PUBBLICAZIONE:
22 Gennaio 2020